Ganzirri: luoghi e anime

I luoghi cominciano ad esistere quando li facciamo nostri. Non basta che siano li’ dove sono affinché il mondo prenda coscienza di essi. Bisogna che qualcuno ne disegni i contorni. Le fotografie dei “luoghi” (non mi riferisco alla fotografia paesaggistica e/o naturalistica) raccontano di noi stessi più di quanto possiamo immaginare. Il modo in cui ci sentiamo immersi dentro essi, il modo in cui essi stessi ci entrano nelle ossa, i colori che vediamo e quelli che ignoriamo, l’angolo dal quale facciamo diramare la nostra forza di osservazione, il punto in cui poniamo noi stessi all’interno di quel posto. Sono tutti elementi che confessano sfaccettature della nostra individualità; 

Qualche giorno fa ho portato mio fratello Joshua a fare una passeggiata a Ganzirri. Per lui era un posto nuovo, a differenza mia. Eppure adesso che avevo portato con me la macchina fotografica, mi ero data licenza di fare tabula rasa dei miei ricordi connessi a quel posto, di poterlo ridipingere, come se quella fosse la prima volta anche per me. Attraverso la mia lente si aziona un meccanismo di esplorazione, non di quello che c’è attorno a me, ma di quello che ho dentro. Per quanto assurdo possa sembrare, è dentro il mio stesso mondo che scruto, pur servendomi di uno strumento che attinge dalla realtà tutta intorno.

Adesso finalmente mi accorgo di certi oggetti e monumenti che prima avevo ignorato. E se li ho notati è perché hanno toccato alcune corde del mio cuore. In quelle foto risiedono emozioni inconsapevoli: ad ogni “click” corrisponde un suono emotivo interiore; Succede che c’è qualcosa che mi scuote, come quando un dito pigia soavemente il tasto di un pianoforte.

Ed ecco apparire sgargianti colori di terra, ruggine, mare. Nuvole che spezzano con passione la perpetua linea blu dell’orizzonte. Le barchette dei pescatori locali, che dormono stanche sulla riva, parlano senza fiatare e raccontano di folklore e antiche storie di uomini. Mi sento dentro questi profumi, sono miei, riesco a toccarli. Non appaio nelle foto ma è di me che sto parlando. Non vedrete mai il mio viso ma, queste foto non sono poi cosi’ dissimili dai miei ritratti.


20180808 1021
20180808 1022-Pano
20180808 1035
20180808 1048
20180808 1052
20180808 1053
20180808 1067
20180808 1074
20180808 1084-Pano
20180808 1091
20180808 1095
20180808 1098
20180808 1099
20180808 1101
20180808 1103
20180808 1106
20180808 1107
20180808 1108
20180808 1109
20180808 1110



Juna

Mi chiamo VALENTINA PELLITTERI e sono un’appassionata fotografa. Dopo dieci lunghi anni di carriera come grafico e designer di scrapbooking digitale mi sono dedicata alla pubblicità e all'editoria. Denominatore comune è sempre la FOTOGRAFIA: mossa da una grande passione per la comunicazione, ho esplorato diversi mondi dell’immagine per poi realizzare il grande sogno di un nuovo brand fotografico locale nel 2017: JUNA PHOTOGRAPHY.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Rimani aggiornato

Assicurati di registrarti alla mia newsletter per rimanere aggiornato circa le ultime promozioni e occasioni speciali! Per qualsiasi informazioni non esitare a contattarmi via mail all'indirizzo info@juna-ph.com oppure telefonicamente al numero +39 350 010 97 44

Juna photography logo

Se puoi immaginarlo esiste

Juna Photography Valentina Pellitteri

Servizi fotografici a Messina

Fotografia per le famiglie

Juna per i tuoi momenti importanti: compleanni, battesimi, matrimoni, newborn, eventi, reportage.


Made with love by Juna. All rights Reserved.