Pop Color Shooting

Voglio vivere a colori…

Io sono quella che quand’ero bambina riuscivo a dare vita ad ogni oggetto inanimato grazie alla mia fervida immaginazione: giocavo perfino con i fiammiferi e se non avevo niente a disposizione allora le mie stesse mani assumevano una personalità e diventano i miei pupazzi. Di sera, nel mio lettino, quando non c’era che il bagliore lunare filtrato dalla tenda della finestra, creando una magica atmosfera, le mie piccole manine creavano storie fantastiche. Ho giocato con le barbie fino a tredici anni. Ero già una donna, da tre anni, e il mio corpo ne aveva già ogni forma ma l’essere fanciullo era ancora vivo in me. Ricordavo che appena suonavano alla porta mi affrettavo affannata a nascondere tutto l’armamentario sotto il letto: “non fosse mai che mi vedessero giocare ancora con le barbie!”. Quella voce di “imbarazzo”, di “paura del pregiudizio” cominciava timida a farsi sentire.

Ed ecco che subentra l’età difficile, quella in cui avviene una lotta estenuante, quando l’essere adulto cerca di soffocare crudelmente la voce bambina dentro di noi. Per qualche ragione poi ci riesce sempre. In alcuni di noi meglio che in altri. Nel mio caso fortunatamente ho conservato un’eco piuttosto distinto di quella voce, che di tanto in tanto viene a ricordarmi quanto sia importante ridere, giocare, lasciare che la fantasia dilati incontrastata.

Potrei raccontarvi in quali e quanti modi lascio questa vocina dirigere il mio cuore ma rischierei di esser presa per pazza. Ma in fondo non è questo ciò che conta davvero. Quello che è veramente importante è capire che non dobbiamo perdere questa battaglia: dobbiamo lottare incessantemente per mantenere percettibile quel suono dall’infanzia, perché è quel bambino dentro di noi che ci fa essere liberi, che non ci fa pensare male del prossimo, che perdona, che è pronto a sorridere quasi di tutto, spalancando il cuore alla vita ad ogni risata, inebriando di meraviglia tutti i nostri sensi. Quella voce è il nostro coraggio, come quando da bambino non hai paura di cadere e farti male, ma corri, corri, corri, ed urli, e non hai paura dei rumori, e la musica non può suggerirti malinconia, ed ogni colore è il tuo, e vale sempre la pena provare. Vale sempre la pena provare.

 MG 9745
 MG 2353
 MG 2369 B
 MG 2384
 MG 2389
 MG 2632 Copy
 MG 1839
 MG 1726
 MG 1729
 MG 1746
 MG 1876
 MG 1885

PH Valentina Pellitteri
Model Katia Di Mauro
MUA Sarah Bozzoni
Hair Stylist Giorgia Moschella


 


Juna

Mi chiamo VALENTINA PELLITTERI e sono un’appassionata fotografa. Dopo dieci lunghi anni di carriera come grafico e designer di scrapbooking digitale mi sono dedicata alla pubblicità e all'editoria. Denominatore comune è sempre la FOTOGRAFIA: mossa da una grande passione per la comunicazione, ho esplorato diversi mondi dell’immagine per poi realizzare il grande sogno di un nuovo brand fotografico locale nel 2017: JUNA PHOTOGRAPHY.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Rimani aggiornato

Assicurati di registrarti alla mia newsletter per rimanere aggiornato circa le ultime promozioni e occasioni speciali! Per qualsiasi informazioni non esitare a contattarmi via mail all'indirizzo info@juna-ph.com oppure telefonicamente al numero +39 350 010 97 44

Juna photography logo

Se puoi immaginarlo esiste

Juna Photography Valentina Pellitteri

Servizi fotografici a Messina

Fotografia per le famiglie

Juna per i tuoi momenti importanti: compleanni, battesimi, matrimoni, newborn, eventi, reportage.


Made with love by Juna. All rights Reserved.