Il mio stile glamour

Io amo le donne. Non ho mai inteso il mio lavoro come un puro mezzo di sopravvivenza. Ho sempre cercato un senso in tutto quello che faccio. Ogni volta che mi accingo a realizzare un progetto fotografico, la prima cosa che mi chiedo è “perché?”

A cosa mi serve? Cosa sto cercando? Posso darvi un senso, un valore,
etico, morale, di estetica o sociale?
 
Più di una volta mi sono resa conto che spesso tutte queste tematiche sono connesse e si tengono a braccetto tirandosi dietro le altre inevitabilmente. 
Sapete, più mi avvicino alle donne, al loro mondo, alle loro aspirazioni, più capisco quanto sia distorta la visione che il mondo ha di loro.
Assurdo ma vero anche le stesse donne si conoscono poco in fondo e giudicano le altre in base a questa ignoranza di base. 
Secondo la  nostra cultura popolare oggi se le donne si vestono in modo appariscente inviano il messaggio “il mio corpo è a vostra disposizione”; 
Se una donna ritiene di poter fare “da sola” qualcosa, senza farsi scortare da nessuno, allora vuol dire “voglio mettermi nei guai”. 
Se una donna è arrivata molto lontano ed è pure bella “ha sicuramente concesso un favore di troppo”; 
Se una donna è bella “per lei la vita è facile” (posso dirvi, non per esperienza personale ma per quello che filtro dalla gente attorno a me che spesso vale l’esatto opposto);
 
Insomma, quanti cliché inutili e dissacranti, quanti slogan eretti a dogmi, luoghi comuni elargiti a buon prezzo in ogni dove: è davvero avvilente.
 
Io invece vi dico che per le donne la bellezza è solo un mezzo “tangibile” per esprimere il loro “impalpabile” mondo interiore. Alle donne piace essere “scoperte dentro” e istintivamente, com’è nella loro natura, usano l’aspetto per attirare l’attenzione. Il punto cruciale è, verso cosa? Non verso il loro corpo, ma verso il loro universo.
 
Voi adesso mi direte che ci sono migliaia di maniere per farsi scoprire dentro. E avete ragione, e non discuto. Dico solo che quella è la natura primordiale di una donna, e che fraintendere questo basico elemento di partenza distorce ogni percezione che si possa avere di loro.
 
Ogni singola volta in cui ho avuto l’opportunità di capire le ragioni che spingono una donna all’auto-celebrazione, all’eccessiva esuberanza, alla “cattiveria”, ho trovato sempre la stessa cosa: il bisogno di essere amate. Loro urlano:
“Amami.
Interessati a me, vieni a scoprire quante meraviglie custodisco in me, nel mio essere. Innamorati di questo mio sconfinato universo che, da tutta la vita, desidero di condividere con qualcuno.”

Giudicare qualcuno è troppo facile. Tutti combattono la propria battaglia ogni giorno. E lottare per sentirsi amate non è una battaglia di second’ordine.

 MG 9745
 MG 2353
 MG 2369 B
 MG 2384
 MG 2389
 MG 2632 Copy
 MG 1839


Juna

Mi chiamo VALENTINA PELLITTERI e sono un’appassionata fotografa. Dopo dieci lunghi anni di carriera come grafico e designer di scrapbooking digitale mi sono dedicata alla pubblicità e all'editoria. Denominatore comune è sempre la FOTOGRAFIA: mossa da una grande passione per la comunicazione, ho esplorato diversi mondi dell’immagine per poi realizzare il grande sogno di un nuovo brand fotografico locale nel 2017: JUNA PHOTOGRAPHY.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

Rimani aggiornato

Assicurati di registrarti alla mia newsletter per rimanere aggiornato circa le ultime promozioni e occasioni speciali! Per qualsiasi informazioni non esitare a contattarmi via mail all'indirizzo info@juna-ph.com oppure telefonicamente al numero +39 350 010 97 44

Juna photography logo

Se puoi immaginarlo esiste

Juna Photography Valentina Pellitteri

Servizi fotografici a Messina

Fotografia per le famiglie

Juna per i tuoi momenti importanti: compleanni, battesimi, matrimoni, newborn, eventi, reportage.


Made with love by Juna. All rights Reserved.